ASSEMBLY

In this second section there are works realized following the same logic of the previously mentioned waste, which this time allows itself to be guided by the specific lived context. Taking up the stylistic formalities already present in the first works, excluding large dimensions. The works on display here are a sort of dedication to the places where they are born and of which they want to show the categorically “discarded” and rejected qualities. From Istanbul, to Milan to the province of Caserta, to the works of smaller dimensions, these are nothing but assemblages of scraps and remnants of a daily ritual.

A Dino Campana, Sperimentazione su supporto rettangolare

 

De Immundo

La serie degli immondi si compone di schifo quotidiano, scarti di ritualità male assimilate.. filtri di sigarette, di tisane bevute, di unghie tagliate, frammenti di lavori distrutti. Il rimando è ancora una volta ambiguamente religioso con i suoi richiami alla reliquia e al carnevale. 

Untitled

La serie degli “Untitled” costituisce il primo momento di sperimentazione prettamente materica, con l’utilizzo di materiali plastici e successiva modellazione con fiamma ossidrica.

Scarti di Milano, A Viola